Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.

Intervista a Baobab (Radio1)

Nel corso della trasmissione di Radio1, Baobab: L'Albero delle notizie, si parla dell'arte di riciclare ma anche di liberarsi di ciò che non serve più o può anche danneggiarci.

"Fare piazza pulita" a volte è necessario se non indispensabile

È importante saper ricicliare ciò che non ci serve più. Allo stesso tempo è essenziale anche sapercene disfare quando necessario. Quando si tratta di oggetti, una soluzione può essere, anzichè gettare via quello che per noi non è più utile, venderlo o donarlo a persone alle quali quegli stessi oggetti invece possono servire.

Liberarsi delle cose inutili impreziosisce quelle importanti

Quando abbiamo un armadio pieno di troppo vestiti, molti dei quali non indossiamo più, otteniamo solo un mucchio di stoffe sgualcite. Se, invece, impariamo a disfarci dei vestiti inutilizzati, quelli che resteranno saranno ben curati e ci renderanno più soddisfatti. Lo stesso, ovviamente, vale per ogni aspetto della nostra vita, ad esempio per le nostre relazioni e i nostri impegni.

Diablos conocidos

Così come è essenziale imparare a liberarci di ciò che non più utile o di interesse per noi, è importante imparare a chiudere con il passato e con le relazioni che non ci appagano. Spesso, è difficile farlo perchè tendiamo a legarci fortemente ai nostri diablos conocidos, a ciò che è familiario e abitudinario, anche se per noi doloroso.

Ricordi: è opportuno conservarli gelosamente, anche quelli più sgradevoli?

I ricordi sono quanto di più prezioso abbiamo; sono ciò che ci rende le persone che siamo. Allo stesso tempo non dobbiamo farci sopraffare da questi ricordi. Per questo motivo è necessario elaborarli e depositarli, ad esempio in un diario o in un album. In questo modo potremo farne tesoro, senza divenire marionette guidate, spesso inconsapevolmente, dalle esperienze del passato.

Che ne sarà di me?

Spesso la difficoltà a "tagliare con il passato", a buttare via le cose, a chiuedere le relazioni è legata alla difficoltà di esplorare le dinamiche psicologiche più profonde da cui dipende il nostro ostinato attaccamento. Per riuscire a proiettarsi in un futuro libero dai limiti imposti dal passato occorre molto coraggio. Uno degli esempi più estremi e che è difficile comprendere per chi non è direttamente coinvolto, è la difficoltà delle donne vittime di violenza a dire addio a chi le fa soffrire e le maltratta. Da un lato c'è la paura, purtroppo spesso fondata, delle conseguenze (persecuzioni, ulteriori violenze psicologiche e fisiche) che si possono subire se si comunica al partner di volerlo lasciare. Dall'altro c'è la difficoltà a chiudere con ciò che si conosce, anche se fa male, per paura dell'ignoto, di ciò che ci aspetta se rompiamo con il passato e con i vecchi copioni.

L'arcobaleno dopo la pioggia

Per liberarci dei nostri diablos conocidos è essenziale una grande forza e un grande coraggio. Occorre anche una sana e realistica fiducia nel fatto che, se sopportiamo la pioggia, ossia la fatica e la sofferenza che il cambiamento può portare, poi uscirà l'arcobaleno, ossia avremo una vita soddisfacente e più ricca di cose, impegni, emozioni e relazioni realmente utili, importanti e postive per noi.

Ascolta l'intervista

Ascolta l'intervista nel corso della puntata del 25 giugno 2012.

Baobab: L'Albero delle notizie

Florinda Barbuto. P.IVA. 10371201004
Questo sito è gestito con oZone IQ 5.0 beta 0.3.3 © Copyright 1999 - 2018 Kenitte.