Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.

Io sono Assertivo

Assertività - si no forse

Cosa significa Assertività

La parola assertività deriva dal latino asserere, che significa affermare, sostenere.

L'assertività è l'autoaffermazione di sé, la capacità di esprimersi e comportarsi nel pieno rispetto di se stessi e degli altri.

Essere assertivi, dunque, significa riconoscere i propri bisogni e le proprie opinioni, saperli comunicare agli altri, ottenerne il soddisfacimento e l'attuazione, senza ledere la libertà e i bisogni altrui.

Cosa non è la persona assertiva

Non è assertiva la persona

  • Passiva
    • che scappa, evitando le situazioni difficili e i conflitti, lasciando che gli altri decidano per lei, non perseguendo i propri obiettivi, non difendendo i propri diritti;
    • che si blocca, non esprimendo ciò che sente, pensa e vorrebbe, non riuscendo ad esprimersi efficacemente, lasciando fare agli altri e sottomettendosi.
  • Aggressiva
    • che attacca in modo diretto, mostrandosi ostile e rabbiosa, umiliando gli altri, raggiungendo i propri obiettivi a spese di altri;
    • che attacca in modo indiretto, pianificando l’attacco, dissimulando le sue intenzioni, portando rancore a lungo.
  • Manipolatrice
    • che usa gli altri per i propri fini e interessi, ricorrendo al ricatto affettivo, ponendosi come vittima, colpevolizzando gli altri.

La persona assertiva

La persona assertiva è quella che

  • riconosce e sa esprimere le sue opinioni e i suoi bisogni;
  • sa chiedere senza paura di ricevere un rifiuto;
  • non agisce per evitare sensi di colpa;
  • sa affrontare con serenità il conflitto;
  • sa ascoltare e comprendere le opinioni e i bisogni degli altri;
  • sa accettare di essere in disaccordo;
  • sa assumersi la responsabilità delle sue scelte e del suo destino;
  • adotta una comunicazione congruente e autentica.

Il paradosso del cambiamento

È nel momento in cui mi accetto così come sono che io divengo capace di cambiare (Rogers, 1961)

Divenire una persona assertiva non significa cambiare se stessi, divenire una persona diversa.

Divenire assertivi significa iniziare ad essere pienamente se stessi, imparando a riconoscere la propria vera natura, le proprie opinioni, i propri desideri e a comunicarli in modo adeguato ed efficiente.

L'Assertività nel definire il proprio ambiente esterno

Assertività - ambiente esterno 1La propria assertività può essere messa a dura propria quando si deve definire il proprio ambiente esterno soprattutto se questo è condiviso con altre persone.

Quando condividiamo uno spazio, sia esso più o meno grande, con familiari, amici o colleghi di lavoro possono emergere disaccordi che richiedono compromessi.

Asservità - il mio ambiente 2Negoziare le scelte nella definizione dell'ambiente significa riconoscere le proprie esigenze e comunicarle con calma e determinazione, ascoltando allo stesso tempo le esigenze degli altri.

Non sempre la soluzione deve necessariamente portare a una rinuncia per una o più delle persone coinvolte. Se si ha la capacità di essere creativi, si potranno trovare soluzioni originali che accontenteranno tutti.

L'assertività nella relazione con gli altri

Molte volte nel relazionarci agli altri rischiamo di essere guidati da pensieri e convinzioni irrazionali e disfunzionali.

Alcuni esempi sono:

  • Gli altri sono migliori di me.
  • Non ho alcun diritto.
  • Nessuno ascolterà quello che dico.
  • Devo dimostrare di essere all'altezza.
  • Comunque agirò sarà un fallimento.
  • Se dico di no o mi mostro in disaccordo gli altri saranno delusi.
  • Qualsiasi tentativo farò sarà inutile, non potrò mai cambiare.

Anche se è molto utile e fortemente consigliato comprendere l'origine di queste frasi killer con cui ci auto-sabotiamo, è altrettanto importante iniziare a rimpiazzarle, ricordandoci che se iniziamo ad agire diversamente inizieremo anche a pensare diversamente!

Per evitare che uno o più di questi pensieri ci blocchino possiamo scriverli su un foglio e buttarlo via. A questo punto potremo iniziare a sostiturli con pensieri nuovi e più funzionali.

Alcuni esempi di "pillole" che possono incrementare la nostra assertività sono:

  • Credi sempre in te stesso.
  • L'assertività è una conquista quotidiana da rinnovare ogni giorno.
  • I piccoli colpi abbattono le grandi querce: iniziare con piccoli obiettivi e traguardi.
  • Ogni no che dico agli altri è un si che dico a me stesso.

Riferimenti bibliografici sull'Assertività

Anchisi R., Gambotto Dessy M, (2013). Manuale di assertività, Teoria e pratica delle abilità relazionali. FrancoAngeli
Carlitti E., Bucciarelli R., (2010). Assertività e Potere Personale. Editrice Sigraf.
Giusti E., Testi A. (2006). Vincere quasi sempre con le 3A. Autostima, Assertività, Autoefficacia. Sovera.

Ringraziamenti

Un grazie a Angelo Lombardini, che tanto mi ha insegnato sull'Assertività e oltre.

Un grazie ai partecipanti alla prima edizione del gruppo di crescita Un viaggio alla scoperta di sè (ai quali si devono i lavori riprodotti nelle immagini e le "pillole" per l'assertività), per il loro coraggio nel mettersi in gioco e per il contributo dato al gruppo.

Florinda Barbuto. P.IVA. 10371201004
Questo sito è gestito con oZone IQ 5.0 beta 0.3.3 © Copyright 1999 - 2018 Kenitte.