Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.

La Passività al Governo

passività al governo dell'Ordine degli Psicologi del Lazio

Di seguito alcune news pubblicate sul sito dell'Ordine degli Psicologi.

  • L'Ordine scrive alla Regione Lazio e al Comune di Roma: Richiesta informale di coinvolgimento dell’Ordine degli Psicologi del Lazio nelle iniziative normative, sociali e culturali promosse dalle Istituzioni a livello territoriale. 03/09/2013.
  • L'Ordine scrive a Repubblica: L'Ordine chiede una rettifica a Repubblica in merito all'articolo "La madre del bimbo conteso chiede un milione allo psicologo" apparso il 2 agosto 2013. 06/08/2013.
  • L'Ordine sottolinea al Presidente della Regione Lazio la necessità di un incontro. 10/07/2013.
  • L'Ordine chiede un incontro con il Presidente della Regione Lazio. 29/05/2013.
  • Sicurezza stradale: L'Ordine offre la propria collaborazione agli enti locali che hanno avviato iniziative sulla base del Piano nazionale di sicurezza stradale. 24/05/2013.
  • Interventi per alunni con Bisogni Educativi Speciali (Bes): L’Ordine invita il Miur e l’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio ad impiegare professionisti psicologi all’interno dei Centri Territoriali di Supporto (Cts). 20/05/2013.
  • Appello "Non cancelliamo la psicologia in ospedale": L’Ordine ribadisce l'importanza della Psicologia ospedaliera ed invita i suoi iscritti ad aderire all’appello di diverse società scientifiche perché la psicologia venga inserita nel Regolamento “Definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera”. 09/04/2013.
  • Proposta emendamento Deliberazione dell'Assemblea Capitolina n. 35 del 31 luglio 2012: L'Ordine reitera la richiesta di revisione della tariffa igiene ambientale applicata agli studi professionali di psicologia e di psicoterapia. 15/01/2013.
  • Regolamento recante "Definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera": L'Ordine invita il Ministero della Salute a considerare la disciplina psicologica nell'individuazione dei tassi di ospedalizzazione attesi. 23/11/2012.
  • Richiesta la revisione della tariffa rifiuti per gli studi professionali di psicologia e/o psicoterapia: L'Ordine scrive all'Amministrazione di Roma Capitale e all’Azienda Municipale Ambiente (AMA SpA). 23/11/2012.
  • Mancata remunerazione degli psicologi specializzandi (Tutela della professione): L’Ordine chiede omogeneità di trattamento.  16/11/2012.

Quando la passività fa da padrona

Ovviamente quelle sopra riporate non solo tutte le news riportate negli ultimi due anni. Ciò che accomuna le news selezionate, distinguendole dalle altre, è che riguardano tutte la tutela della categoria professionale degli psicologi. Ce ne sarebbero tante altre che qui per brevità non sono riportate.

Leggendo gli abstract la prima impressione potrebbe essere: in quante occasioni si è attivata la maggioranza del Consiglio dell'Ordine degli Psicologi del Lazio per difendere la nostra categoria!

Ma noi psicologi conosciamo bene la differenza tra passività e assertività. Tutte le comunicazioni inviate, a volte anche reiterate, e fatte sottovoce non hanno avuto alcun seguito.

L'unica comunicazione rispetto alla quale si trova anche una risposta è la seguente

  • Osservazioni circa l'istituzione della figura professionale dello Psicologo di base. L'Ordine invia una nota al sen. Ignazio Marino. 29/04/2013.
  • Psicologo di Base: Il sen. Ignazio Marino risponde alle osservazioni dell'Ordine. 06/05/2013.

Ovvio che se mi fosse sfuggito il seguito, sarò lieta di rettificare quanto scritto.

Il risultato: si aggrediscono le categorie professionali più deboli e si subisce passivamente da quelle più forti.

Se da un lato l'Ordine continua a fare la "voce grossa", a diffamare ed insultare la schiera di quelli che loro stessi definiscono "pseudo-professionisti", dall'altro abbassano la testa di fronte a tutti gli Enti, le Istituzioni e le altre figure professionali che, per dirla in parole pavore, non ci si filano per niente.

Parola d'ordine: Proporre dialoghi assertivi

È ora di cambiare atteggiamento. Basta con gli attacchi aggressivi. Basta con la passività silente.

Il Consiglio dell'Ordine deve uscire dal palazzo sontuoso in cui si è barricato, per andare "in mezzo alla gente", nelle istituzioni, sedersi a tavoli di concertazioni, avviare dialoghi e sinergie con altri professionisti.

Spero di cuore che le prossime elezioni possano determinare questo cambiamento di rotta.

Florinda Barbuto. P.IVA. 10371201004
Questo sito è gestito con oZone IQ 5.0 beta 0.3.5 © Copyright 1999 - 2019 Kenitte.