Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Seminario: Cambiamento e Resistenza

Mani e petalo

La resistenza al cambiamento: accoglierla, gestirla, superarla

Roma - 25 Febbraio 2017 

Di cosa parliamo

«È una frustrazione usuale tra professionisti sanitari e insegnanti, counselor e genitori, e tra coloro che lavorano nei servizi sociali e nei sistemi giudiziari. Sembra evidente, a chi osserva, che il comportamento di una persona non funziona o è autodistruttivo; voi potete vedere una soluzione migliore, eppure la persona persiste nello stesso comportamento» (Miller, Rollnick, 2004, p. 11). 

Tutti noi, almeno una volta nella vita, ci siamo trovati di fronte alla grande sfida di voler cambiare qualcosa: un comportamento, un atteggiamento, un modo di pensare o di gestire le nostre emozioni. A volte è facile riuscirci. Molto più spesso la sfida diventa un braccio di ferro con se stessi che si protrae per anni e dal quale spesso si esce perdenti. 

E spesso il braccio di ferro si ha tra il professionista e il cliente. Nonostante gli obiettivi esplicitati da coloro che si rivolgono a un professionista della relazione d’aiuto o, in alcuni casi, da coloro che li hanno spinti a rivolgersi a lui, infatti, accade di frequente che non si verifichino i risultati attesi. Ciò può accadere per una grande varietà di motivi. Gli ostacoli all’intervento possono essere la conseguenza di quella che viene definita come una non-collaborazione o resistenza del cliente. Tuttavia è bene tener presente che l’impasse può dipendere da molti altri fattori che vanno attentamente esaminati e tenuti in considerazione.

Lo scopo di questo seminario, dunque, è quello di cercare di comprendere quali sono questi molteplici fattori che possono contribuire alla "resistenza" al cambiamento, rendendolo così difficile e talora impossibile da realizzare. 

Saranno, inoltre, illustrati alcuni strumenti che i professionisti possono utilizzare per accogliere, comprendere e gestire tale resistenza nei propri clienti, al fine di rendere il processo di crescita più fluido ed efficace.

Chi sono

Counselor, Psicologa, Psicoterapeuta. Coautrice del testo "Cambiamento e resistenza in terapia" (ed. Sovera, 2004) e dell'articolo "Cambiamento e resistenza nel Coaching e nel Counseling" (ASPIC News, 2014, pp.11-19) Mi occupo di formazione, consulenza e ricerca in collaborazione con enti pubblici e privati. Dall'approccio umanistico e dalla psicologia di comunità ho mutuato la forte fiducia nelle risorse e nella "tendenza autoattualizzante" delle persone e dei gruppi, facendo della promozione dell'empowerment l'obiettivo principale dei miei interventi.

Quando, dove, come

Quando: Sabato 25 Febbraio 2017 dalle 9.30 alle 18.30

Dove: Sede ASPIC - Largo Luigi Antonelli n. 8 Roma

Costi: € 150 - quota riservata ai soci ASPIC € 125

Per iscriversi: Compilare la scheda

Per maggiori informazioni: ASPIC 06.54225229 upaspic@unicounselling.org - Florinda Barbuto 3205627160 info@florindabarbuto.it

Note

Tendenza autoattualizzante:  è la tendenza intrinseca e innata dell'individuo a sviluppare tutte le sue potenzialità in modo da favorire la sua conservazione, il suo arricchimento e il miglioramento della sua vita (Rogers, 1951): in parole semplici, se nessuno frappone degli ostacoli e degli impedimenti, tutti gli individui nascono con tutte le potenzialità necessarie a realizzarsi al meglio nella sua vita e ad essere felice.

Empowerment:   È un processo che mira a favorire l’acquisizione di potere, cioè ad accrescere la possibilità delle persone (a livello di singoli, gruppi, organizzazioni, comunità) di controllare attivamente la propria vita (Rappaport, 1981).

Non ci sono tag

Florinda Barbuto. P.IVA. 10371201004
Questo sito è gestito con oZone IQ 5.0 beta 0.1.9 © Copyright 1999 - 2017 Kenitte.